Per offrirti il miglior servizio possibile RareAquaticPlants utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies |Maggiori Informazioni


RAP Forum

RAP Shop
Info
Contacts
Forum
Collaboratori di RAP
English Articles
Siti Amici
Wabikusa
Schede Piante
Articoli Tecnici
Tecniche Riproduzione
Foto Piante
Alghe
RAP Algae
Coltivazione Emersa
Allestimenti
Layout & Manutenzione
Illuminazione
Allevamento Caridine
YouTube Channel
Le News

Share on Facebook

6 cabomba furcata tropica


Una piccolissima bolla di Ossigeno (circa 1mm di diametro) su Hemianthus callitrichoides

Hemianthus callitrichoides 

Il fenomeno conosciuto comunemente con il nome "pearling" si verifica maggiormente quando si effettua un corposo cambio d'acqua all'acquario. Nessun altro effetto ci evidenzia in maniera tangibile la produzione di O2 delle piante acquatiche che durante le prime ore successive al cambio ne emettono in quantità notevole come si vede nel filmato sotto. E' una scena di impressionante bellezza: migliaia di bollicine di ossigeno si staccano dalle foglie e dal fondo per raggiungere la superficie dell'acqua. Tale fenomeno è indicativo: quando si osserva un acquario che da giorni non produce abbastanza pearling il motivo è molto semplice, necessita di cambio di acqua o probabilmente la CO2 non è in quantità sufficiente. Questo operazione di cambio è di necessaria importanza perchè in natura l'eliminazione delle sostanze di scarto, degli inibitori, degli elementi in eccesso ed allelochimici (prodotti dalle piante e dalle alghe) avviene per una  normale circolazione delle acque nei corsi d'acqua o laghi che ripristinano costantemente le condizioni ottimali per la fauna e per la flora.

Rotala_sp_colorata

Si trova molta letteratura a riguardo di questa operazione di manutenzione ed esistono fondamentalmente due scuole di pensiero di cui una mette in risalto la necessità della sostituizione periodica dell'acqua in acquario e l'altra invece di effettuare cambi anche dopo diversi mesi. Io personalmente abbraccio la prima perchè ho riscontrato la validità della seconda solo ed esclusivamente in vasche Low-techNelle nostre vasche Hi-tech di plantacquari è decisamente sconsigliata.

8 Riccia sp Dwarf

Un buon pearling nel picco della fase luminosa (circa dopo 4-5 ore di luce) delle piante evidenzia un'attività fotosintetica elevata grazie da un'illuminazione idonea e concentrazione di CO2 ottimale (circa 20ppm). Da non confondere con il pearling che si genera al cambio d'acqua. Questo dato spesso non viene considerato ma, secondo me, è quello maggiormente indicato a farci comprendere quanta CO2 stiamo erogando. Se dopo 4-5 ore di luce (si intende un'illuminazione idonea per plantacquari quella che generalmente ed indicativamente si attesti tra 0,8-1W/lt) le piante ancora non dovessero mostrare pearling vuol dire che la CO2 è bassa (clicca qui per sapere come erogare correttamente CO2 in acquario). Importante anche verificare che il fenomeno sia evidente in ogni zona della vasca perchè spesso si assiste all'emissione di bolle solo dalle piante in prossimità del diffusore. Non solo questi due fondamentali fattori generano pearling, la fertilizzazione corretta è un'altra componente essenziale che stimola maggiormente fotosintesi, infatti all'aumentare di Luce/CO2 è necessario sopperire maggiormente alle elevate aspettative dei vegetali elevando le concentrazioni degli elementi minerali. Questo triangolo Luce/CO2/Fertilizzazione, quando completo ed equilibrato, genera elevato pearling mostrando altresì un'ottima crescita delle piante. 

  

6 Riccia fluitans
2 Riccia fluitans
3 Rotala rotundifolia
4 Rotala rotundifolia