• Specie

    Flame moss

  • Specie

    Myriophyllum matogrossense

  • Specie

    Riccardia graeffei

  • Specie

    Micranthemum sp 'Montecarlo 3'

  • Specie

    Christmas moss 'Mini' - Vesicularia sp.

  • Specie

    Barbula sp. - Millimeter Moss

RAP Shop
Info
Contacts
Forum
Collaboratori di RAP
English Articles
Siti Amici
Wabikusa
Schede Piante
Articoli Tecnici
Tecniche Riproduzione
Foto Piante
Alghe
RAP Algae
Coltivazione Emersa
Allestimenti
Layout & Manutenzione
Illuminazione
Allevamento Caridine
YouTube Channel
Le News

Share on Facebook

Protalon


Premessa di Marco Cogoni

Uno dei più grossi problemi che affliggono gli acquariofili, sia in acquari d’acqua dolce sia d’acqua di mare è la presenza delle alghe; la formazione algale colpisce in sostanza ogni acquario, ed essa, per il brutto aspetto che crea in vasca, è il cruccio di ogni acquariofilo. Ma è soprattutto la fortissima resistenza all’eliminazione, data dalla capacità altissima d’adattamento alle più svariate condizioni dell’acquario, fà sì che la proliferazione algale sia di difficile controllo. Tanto è stato scritto sulle alghe, in questo articolo non si vogliono analizzare i vari tipi di alghe e neanche analizzare la lotta biologia (di gran lunga la + indicata) che tutti gli acquariofili coscienziosi cerchino di operare; è noto che le alghe proliferano in un acquario che presenta degli scompensi di carattere chimico - fisico, sappiamo anche che per ripristinare le condizioni ideali, dove la presenza delle alghe è sotto controllo, occorre tempo e non è un’impresa sempre facile, in queste situazioni uno dei prodotti più indicati ed efficaci è il Protalon 707. Il consiglio più indicato resta sempre quello di ricercare con la massima attenzione quale o quali possano essere gli scompensi che causino la proliferazione algale in acquario per poi gradatamente (i repentini cambi di condizione sono quasi sempre dannosi) eliminarli; contemporaneamente a questo comportamento che ripeto essere il più corretto, si può utilizzare il Protalon per debellare le alghe, ma è importante sapere che  questo prodotto non è una panacea ai mali dell’acquario, ci darà sicuramente una mano ma per quanto possa essere lungo il suo effetto, prima o poi questo svanirà e allora se le condizioni dell’acquario fossero rimaste le medesime, inevitabilmente le alghe ritorneranno e il problema sarà solo rimandato di qualche tempo.

Protalon 707

Il Protalon 707, prodotto dalla ditta eSHa PRODUCTION, con sede in Olanda è un prodotto di estremo successo commerciale poiché ha dei vantaggi che nessun altro prodotto offre. Bisogna rimarcare come poc’anzi spiegato, che il Protalon non risolve il problema alghe alla radice e in presenza di condizioni favorevoli le alghe tenderanno a riformarsi, ma è anche vero che questo prodotto, molto semplicemente, “funziona”. Tra i più grossi pregi del Protalon si può annoverare l’assoluta tollerabilità da parte delle piante, che non subiscono arresti significativi di crescita, da parte dei pesci, anche i più delicati e sensibili come ad esempio i discus, che notoriamente mal tollerano la presenza di composti chimici in vasca e persino invertebrati come le caridine japoniche sopportano trattamenti massicci di Protalon (al contrario di quello che comunemente si pensa, in realtà ci sono degli animali che non sopravvivono a questo prodotto, esse sono le Pomacea bridgesii più volgarmente chiamate ampullarie, ma sinceramente non ne conosco il motivo).

Protalon_1


Descrizione

Il prodotto è commercializzato in confezione da 20 ml + 10 (A+B) ml utilizzabili per trattare 300 litri d’acqua (ma è possibile reperirlo anche in confezioni più grandi: 180 ml, 500 ml, 1000ml); perché ho scritto 20 ml +10 ml? Perché in realtà i preparati sono due da utilizzarsi parzialmente (per alcuni giorni) in combinazione, il costo di questa confezione è di circa 8 / 10 euro, è possibile trovarlo nei negozi forniti ma anche nei negozi on line. La confezione è di colore prevalente blu, all’interno contiene appunto le due boccette di vetro e un foglietto con le istruzioni. Le istruzioni sono dettagliate e ben fatte, analizziamone alcuni passaggi: si sottolinea che il prodotto è un sanittizante, è attivo contro moltissimi tipi di alghe, dalle filamentose alle azzurre, dalle verdi alle alghe in sospensione e persino contro i famigerati cianobatteri, le istruzioni avvisano che potrebbe verificarsi un momentaneo intorbidimento dell’acqua risolvibile nel giro di qualche ora, e avverte che il prodotto necessita da due a sei settimane per poter debellare le alghe.  Successivamente si danno dei consigli banali ma comunque corretti per evitare una troppo facile proliferazione algale, questi consigli sono: l’eliminazione dei fattori biologici responsabili, avere una folta vegetazione con una buona illuminazione giornaliera (da 12 a 14 ore) con un rapporto di 1.5 - 2.0 watt/dm2, una quantità adeguata di pesci e di avvalersi di un buon negoziante (!). Inoltre si raccomanda di usare il Protalon 707 in combinazione di altri prodotti eSHa.

Protalon_instructions

Somministrazione

Il Protalon è un prodotto particolare poiché richiede un impegno di sette giorni di trattamento, le istruzioni specificano che non è necessario sospendere la fertilizzazione, nè occorrono particolari cautele per piante e pesci;

-Primo giorno: boccetta A (le due boccette sono contrassegnate dalla lettera A e B per evitare confusioni) nella misura di 50 gocce per 100 litri d’acqua.

-Secondo giorno: boccetta A 12 gocce per 100 litri d’acqua.

-Terzo giorno: boccetta A 12 gocce per 100 litri d’acqua + boccetta B 10 gocce ogni 100 litri.

-Quarto giorno: nessuna somministrazione.

-Quinto giorno: nessuna somministrazione.

-Sesto giorno: boccetta A 25 gocce per 100 litri d’acqua + boccetta B 20 gocce ogni 100 litri.

-Settimo giorno: boccetta A 12 gocce per 100 litri d’acqua. Fine del trattamento.

Le istruzioni specificano che il resto della boccetta può essere utilizzato a scopo preventivo nella misura di 10 gocce ogni 100 litri da somministrare ogni due settimane. Inoltre se le alghe fossero superiori alle piante si dovrebbe ripetere il trattamento dopo 14 gg.

Considerazioni di Marco Cogoni

Personalmente uso il Protalon da svariato tempo sempre con ottimi risultati e secondo la mia esperienza è un prodotto davvero valido, si può con qualche banale accorgimento migliorarne ulteriormente le prestazioni senza controindicazioni, questi consigli sono:

-Innanzi tutto eliminare dal filtro la presenza di carbone attivo o comunque prodotti assorbenti che possano trattenere i principi attivi del Protalon;

-Prima di iniziare il trattamento io uso fare un cambio dell’acqua piuttosto consistente, nell’ordine anche del 50 %, questo sia perché non potendo cambiare per lungo tempo l’acqua (almeno due settimane) il cambio preventivo da una mano a tenere sotto controllo il carico organico/minerale, sia perché è comunque probabile la proliferazione algale sia dovuta ad un eccesso di nutrimenti in vasca e il cambio dell’acqua tende a normalizzare e migliorare questa situazione.

-Personalmente sospendo la fertilizzazione nel periodo di trattamento, e qui per fertilizzazione intendo prodotti liquidi (in realtà io nella mia vasca in questo momento storico utilizzo solo del potassio), ma lasciando inalterato l’approvvigionamento di anidride carbonica nella stessa misura precedente il trattamento.

Con questi pochi consigli ed accorgimenti la riuscita del Protalon è garantita, anche se non mi stancherò mai di affermare che questo prodotto non è miracoloso ed ogni acquariofilo deve andare alla ricerca del migliore equilibrio generale nella sua vasca.

Considerazioni di Iannella Massimo

L’utilizzo del Protalon 707 rappresenta l’ultima spiaggia per cercare di contrastare una proliferazione algale (soprattutto alghe verdi) fuori controllo in modo da danneggiare i tessuti delle antagoniste evitando continua formazione di allelochimici (quasi tutte le alghe li producono ndr) che inibiscono pesantemente lo sviluppo delle piante presenti. Personalmente non interrompo la fertilizzazione nel momento del trattamento e non riduco o sospendo la CO2 perchè in questo modo si sfavoriscono le piante e al contrario le alghe riescono ad adattarsi velocemente alle nuove condizioni. E’ importante riuscire a capire se lo squilibrio degli elementi in gioco sia verso l’eccesso o il difetto (maggiormente quest’ultimo a differenza di come si crede) e agire di conseguenza mentre è in atto il trattamento con Protalon 707. Così facendo si permettono alle piante di avere a disposizione i nutrienti/fattori giusti e continuare la crescita assorbendo gli elementi minerali in colonna: in caso contrario le piante si fermeranno e tutte le sostanze nutritive saranno a completa disposizione delle alghe che continueranno il loro incessante sviluppo.

Ricordo che per affrontare una problematica algale è fondamentale avere dei test di rilevamento come NO3-PO4-Fe e NH4 in modo da comprendere le fluttuazioni in vasca e porre rimedio. Spesso non si comprende che sono le carenze e la sproporzione nella fertilizzazione a causare questi problemi. Per esempio una presenza di NO3 a 20ppm e PO4 a 0,2ppm spesso determinano proliferazione algale non per la concentrazione di NO3 ma per la mancanza di PO4 che in questo caso dovrebbe aggirarsi intorno a 2ppm (nel rapporto indicativo da mantere tra N e P di 10:1).

La lotta alle alghe, in una vasca con presenza massiccia, determina notevole impegno quotidiano da parte dell’acquariofilo che deve necessariamente asportale per evitare un accumulo dannoso di allelochimici e successivo carico organico per il filtro. Quando si comprende la causa è rilevante agire su una linea e non modificare troppi fattori in breve tempo ricordando inoltre che le risposte di un acquario necessitano anche di mesi. Le armi principali, come di consueto, rimangono la pazienza ed il metodo. A questo Protalon 707 contribuisce notevolmente.


TUTTE LE FOTO ED I TESTI SONO DI PROPRIETA' ESCLUSIVA DI MARCO COGONI, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - QUALSIASI USO PARZIALE O TOTALE DOVRA' ESSERE AUTORIZZATO

TUTTO L'ARTICOLO IN OGNI SUA PARTE E' DI PROPRIETA' ESCLUSIVA DI IANNELLA MASSIMO, TUTTI I DIRITTI RISERVATI - QUALSIASI USO PARZIALE O TOTALE DOVRA' ESSERE AUTORIZZATO