Share on Facebook

 19 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

17 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

14 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

15 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

16 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

Vasca: Artigianale aperta ADA, vetri extrachiaro, 45x24x30cm
Illuminazione: Plafoniera artigianale, 2 x PL 11w 6500K, 8 ore al giorno
Filtraggio: Filtro Eden 501 con materiali originali
Substrato: Batteri Aquili, Elos Terra small, ADA Sarawak Sand (+ Elos Terra Uno)
Fertilizzazione: Elos Planta 1 + Planta 2 sostituita con Fase1 + Fase2 + K40
CO2: continua, solo fotoperiodo dal 13/06/2012
Conduzione: cambio settimanale del 30% con solo acqua RO + sali Elos
Arredi: Driftwood Blu Bios
Specie vegetali:
Microsorum pteropus ‘Trident’
Microsorum pteropus ‘Philippine’
Chirstmas moss ‘mini’
Hydrocotyle sp. ‘Japan’
Lilaeopsis brasiliensis
Hemianthus callitrichoides
Hemianthus micranthemoides
Rotala sp. ‘Green’
Potamogeton gayi
Proserpinaca palustris


Vasca
La vasca è una artigianale ADA della serie Cube Garden, in particolare è il modello Mini L. Presenta vetri in extrachiaro di 5mm, ha dimensione 45x24x30cm e una capacità di 32 litri lordi, nel nostro caso di 29lt netti. E’ posizionata sopra un tappettino apposito Sera di 6mm che è stato ritagliato seguendo il profilo della vasca.

Illuminazione
L’illuminazione è data da una plafoniera fatta su misura di dimensione 45x24cm come la vasca. Risulta essere piuttosto sottile per questioni estetiche e questo ha fatto perdere qualche centimetro di illuminazione ai lati, cosa che non ha compromesso l’angolo di illuminazione diretto sulla vasca. La plafoniera è appesa al muro tramite due aste che sorreggono il peso tramite due cavi di acciaio. Monta due lampade PL da 11w della Wave con gradazione di 6500°K comandate da due reattori elettronici ricavati da due lampade a risparmio energetico e due interruttori per l’accensione separata delle lampade.

Substrato
Per questo piccolo acquario è stata scelta la terra allofana Elos Terra Natural Soil small, per via delle grandi proprietà che offre a livello di qualità e per la granulometria notevolmente ridotta. Purtroppo la granulometria non è stata quella che mi aspettavo, forse per un errore nell’etichetta della confezione, quindi i granelli sono più grandi. Probabilmente si tratta della taglia medium. Elos per scusarsi dell’accaduto ci ha offerto un diffusore della CO2 a scelta tra il modello Ato 10 e Ato 20. Vengono utilizzati dei batteri Aquili in polvere per agevolare la formazione delle colonie batteriche nel fondo. Inoltre è stata utilizzata la sabbia ADA Sarawak Sand, inerte e solo per decorazione. Nel substrato, più avanti e a seconda delle necessità, verranno utilizzate le pastiglie Elos Terra Uno.

Anidride Carbonica
La CO2 viene immessa nell’acquario tramite un impianto Askoll professionale, con diffusore Askoll e valvola di non ritorno JBL. L’erogazione è 24 ore su 24. La diffusione è ridotta nella fase iniziale in quanto la terra allofana assorbendo i carbonati riduce il valore pH e con l’immissione di CO2 può scendere ulteriormente. Una volta che la vasca sarà stabile verrà immessa CO2 per avere in vasca una concentrazione di 20-25ppm. Dal giorno 13/06/2012 è stat aggiunta una elettrovalvola della RuWal collegata al timer in modo da erogare CO2 solo durante il fotoperiodo.

Allestimento (01-02-2012)
Per prima cosa è stata appesa la plafoniera al muro eseguendo quattro buchi con un trapano. La plafoniera è stata posta a 8cm dall’acquario, per un totale di 10cm dalla superficie dall’acqua. In seguito è stato posizionata la vasca sopra il tappettino Sera e ritagliato il perimetro con una taglierina in modo da avere la dimensione esatta della vasca. La vasca viene disinfettata utilizzando dell’acqua ossigenata con dei dischetti di cotone. Sono state utilizzate due pastiglie Aquili, aperte e cosparse in modo omogeneo sul vetro. 

Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

1 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

4 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

Una volta tolte le piante dai pacchetti della spedizione, sono state riordinate e preparate per la piantumazione. Per prima cosa si è lavorato sul legno, per cui abbiamo posizionato i vari Microsorum pteropus ‘Trident’ e Microsorum pteropus ‘Philippine’ per farci un’idea delle posizioni. Per legare le felci è stato utilizzato filo di nylon. Il Christmas moss ‘mini’ è stato suddiviso in piccole porzioni e anche queste legate con il filo di nylon, in particolare per cercare di coprire i vari monconi del legno. Bisogna ricordarsi di utilizzare uno spruzzino con acqua per tenere le piante umide durante queste operazioni. Abbiamo presentato il legno nella vasca per farci un’idea delle proporzioni e preparato una striscia di cartoncino per suddividere le zone di sabbia e terra cercando di dare una certa sagoma partendo dall’idea di provare a ricreare delle insenature.

2 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

2 1 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

3 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

5 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

6 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

7 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

Una volta inserita la sabbia è stata messa la terra Elos nella parte posteriore aiutandoci con una scodella. Sono stati creati dei dislivelli per simulare una collina. Il cartoncino è stato tagliato in più punti per poterlo togliere facilmente. Da qui si è proceduta alla piantumazione, non a secco per mia dimenticanza, cosa che invece ci avrebbe aiutato non poco. Sono stati preparati 30 litri di acqua, 27lt di rete visti i valori buoni per la terra allofana e 3lt di RO, con l’aggiunta solo di un pò di Rigenera per avere il GH a 10 punti. I valori dell’acqua di rete sono: pH 7,2, KH 6, GH 9, NO3 e Cl 0. L’acqua è stata riscaldata per avere una temperatura di circa 22° in vasca. Sono stati inseriti i primi litri d’acqua per poter piantare H. callitrichoides, L. brasiliensis e H. sp, ‘Japan’. Successivamente altra acqua e H. micranthemoides. Infine la Rotala sp. ‘Green’ e il Potamogeton gayiIl legno è stato ancorato a terra poggiandovi sopra una roccia inerte. Inoltre sono stati aggiunti alcuni steli di Ceratophyllum demersum 'Messico'E’ stato preparato il filtro inserendo in mezzo ai cannolicchi il contenuto di due pastiglie di batteri. Regolata la resistenza per circa 22° C e inserito il diffusore della CO2 Askoll. CO2 di partenza tarata a circa 5-6 bolle al minuto. Il timer è stato regolato dalle 14 alle 21 per 7 ore di illuminazione giornaliera successivamente incrementate fino a 8.


8 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

9 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants

Evoluzione

Prima fase
La prima fase comprende le prime due settimane dal giorno dell’allestimento. In questo periodo vengono eseguiti cambi più abbondanti e frequenti per i ridurre la mole di nutrienti in colonna rilasciati dal substrato Elos. Sono stati eseguiti quattro cambi di 20 litri su 30. Tutti e quattro di 10 litri rete e 10 litri RO. I valori sono stati oppurtamente corretti con l’utilizzo di Carbonates e Rigenera per avere almeno 5 punti di KH e 10 di GH. Dati aggiuntivi: Il Ceratophyllum demersum ha perso quasi tutte le foglie già da alcune ore dopo l’allestimento. No fertilizzazione, luce 7 ore, niente alghe. La terra allofana riduce i carbonati. Le piante presentano delle carenze probabilmente dovute all’assenza di ferro e microelementi.

10 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants
Seconda fase
In questa seconda fase della durata di un mese, verranno effettuati cambi ogni 7 giorni e del 50%. 5 litri rete e 10 litri RO. Viene alzata la CO2 a circa 1 bolla ogni 2-3 secondi, si inizia ad aumentare il fotoperiodo e nel giro di un mese arriva a 8 ore. Inizia la fertilizzazione di ferro e microlementi tramite Elos Planta 1 a dosaggio pieno. Dati aggiuntivi: il Ceratophyllum demersum ha iniziato a emettere getti laterali. Il rilascio di macroelementi è praticamente assente. Sono ancora presenti nitriti e la terra allofana assorbe ancora un pò i carbonati. Compaiono le prime alghe dopo circa un mese dall’allestimento.

11 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants
Terza fase
Questa seconda fase comprende il periodo da un mese e mezzo dall’allestimento fino a ora. L’acquario verrà gestito con un cambio ogni 7 giorni del 30%, ossia 10 litri di sola acqua RO ricostruita con Carbonates e Rigenera. La terra ha finito di assorbire carbonati e ora il KH è stabile a 3 punti. Le piante presentano varie carenze, in particolare date da Ferro e Azoto.

12 Elos Simone piano terra natural soil iannella massimo rareaquaticplants
Considerazioni fertilizzanti Elos: PRIMA LINE E EXPERT LINE
I fertilizzanti Elos Planta 1 e Planta 2 sono stati ampiamente sovradosati senza però sopperire a queste carenze. Questo ci ha portati a un cambio di fertilizzazione passando alla Expert Line, ossia Fase1, Fase2 e K40. Questi prodotti sono molto concentrati e considerando la notevole durata per una vasca di 30 litri, circa 2 anni, non è stato un acquisto sbagliato. Comparando Planta 1 (250ml) e Fase 1 (100ml), 9,90€ e 13,50€. Il primo ha un utilizzo di circa 7ml alla settimana, mentre il secondo di 1,2ml. Sono considerati a dosaggio pieno, solo che il Planta 1 è stato aumentato fino a 10-12ml a settimana per vedere qualche risultato, mentre il Fase 1 difficilmentre andrà sovradosato. Per concludere è stato considerata una confezione di Planta 1 ogni 6 mesi e una di Fase 1 ogni 21 mesi, senza che la prima possa comunque raggiungerà la bontà della seconda. Lo stesso discorso si può fare con il Fase 2, sempre più concentrato rispetto al Planta 2 ed economicamente vantaggioso.

Quarta fase (13-06-2012)
Sono avvenute delle modifiche fino a ora ricapitolate qui di seguito:


- è stata completamente tolta la L. brasilianensis e H. sp. ‘Japan’;
- sono stati tolti gli steli di H. micranthemoides sulla destra;
- è stato tagliato il ramo dove era posizionato il Microsorum sp. ‘Philippine’;
- nella nuova zona appena liberata è stato aggiunto un Kokedama mini di H. callitrichoides prodotto da Massimo Iannella;
- è stata aggiunta sabbia ADA Sarawak sand nella parte frontale per coprire la terra alla base del legno;
- sono stati aggiunti steli di Proserpinaca palustris nella zona posteriore centrale;
- è stato aggiunto muschio Vesicularia dubyana alla base del legno sfruttando una reticella in modo da ancorarlo facilmente;
- è stata collegata una elettrovalvola RuWal al timer delle luci in modo da erogare la CO2 solo durante il fotoperiodo.

Per il resto la vasca è stata condotta allo stesso modo:


- cambi del 30% di sola acqua RO + sali Elos Carbonates e Elos Rigenera per avere valori di KH 5 e GH 8;
- fertilizzanti a 0,2ml su 0,3ml con Fase 1 + K40 (Lun-Mer-Ven-Dom) e Fase 2 (Mar-Gio-Sab).

Valori
I valori, stabili, vengono rilevati il venerdì mattina prima del cambio a luci spente:
pH: 6, KH: 4.5-5; GH: 8-9; NO2: 0; NO3: 0; Fe: in tracce; PO4: in tracce


 TUTTO L'ARTICOLO IN OGNI SUA PARTE E' DI PROPRIETA' ESCLUSIVA DI MASSIMO IANNELLA, SIMONE PIANO E FRANCESCATUTTI I DIRITTI RISERVATI - QUALSIASI USO PARZIALE O TOTALE DOVRA' ESSERE AUTORIZZATO